RadioLinux 08 maggio 2006

Trascrizione della puntata di Radiolinux sul progetto Elèutheros dell’ 08 maggio 2006

    tempo: 69.20

    Vasco

    Abbiamo con noi al telefono Don Paolo La Terra. Buona sera Don Paolo.

    Don Paolo

    Buona sera a voi.

    Vasco

    Con noi in studio naturalmente c’è Marco fioretti e Fabrizio Sebastiani che la salutano.

    Don Paolo

    E’ in ottima compagnia.

    tempo: 69.37

    Vasco

    Allora senta, andiamo un pò di corsa perchè il tempo stringe. Allora io le volevo domandare qual’è la situazione all’interno della Chiesa Cattolica rispetto all’adozione del Software Libero per lo svolgimento di attività al suo interno ?

    Don Paolo

    Dunque, non saprei che cosa dire, sarebbe interessante fare un monitoraggio per vedere, però penso che attualmente la situazione sia quella di un tendenziale appiattimento sull’uso del software proprietario. Mentre invece sarebbe molto da proporre l’uso del Software Libero per tutti i motivi di cui avete già parlato abbondantemente durante la trasmissione.

    Vasco

    Questo già è uno spunto di lavoro: il fatto di fare un monitoraggio per vedere qual’è la situazione. Fabrizio aveva qualcosa da dire.

    Fabrizio

    Si, a riguardo forse posso provare anch’io a rispondere: la mia impressione è che fintanto che non c’è una sensibilizzazione sul piano etico, le scuole cattoliche continueranno a comportarsi esattamente come quelle statali e tutte le altre, perchè le varie scelte saranno devolute alla sensibilità del singolo insegnante esattamente come succede in tutte le scuole, quindi non c’è distinzione. Se l’appiattimento (n.d.r. appiattimento sull’uso del software proprietario) c’è nell’ambito delle scuole non cattoliche ci sarà anche in quelle cattoliche perchè non viene vista questa differenza.

    Don Paolo

    Il livello ecclesiale va anche oltre quello delle scuole cattoliche, c’è tutto quanto un mondo che è fatto anche di software dedicato. Sarebbe bello poter arrivare ad avere del Software Libero per la gestione delle parrocchie o per la gestione di enti o associazioni che hanno a che fare con l’ambiente ecclesiale, però quello è un passo in avanti.

    tempo: 71.42

    Vasco

    A proposito di quello che diceva Fabrizio, comunque lei è a conoscenza di scuole cattoliche che adottino Software Libero nella didattica? C’è qualche esempio?

    Don Paolo

    No, a dire il vero attualmente non mi risulta, sicuramente magari da qualche parte ci sarà, però non sono in grado di dare una risposta precisa a questa domanda.

    tempo: 72.05

    Vasco

    Cosa ne pensa della partecipazione di Elèutheros al Congrsso della CEI di Verona, ho visto che ci sono proposte nella lista (n.d.r. lista di discussione del progetto) in questo senso?

    Don Paolo

    Penso 2 aggettivi: opportuna e provvidenziale. Opportuna perchè penso che con la situazione attuale, con tutto quello che vuol dire lo sviluppo, non tanto del Software libero in quanto tale, ma della filosofia che è colegata al Software Libero, che è molto vicina a quella della dottrina, ma anche dei documenti più recenti della Chiesa: faccio riferimento per esempio al direttorio sulle Comunicazioni Sociali, sull’uso degli strumenti di Comunicazione Sociale, come faccio presente anche alla traccia di Verona per quello che riguarda l’ambito della tradizione. Provvidenziale perchè visto che la tematica attorno a cui si sta confrontando la Chiesa italiana è quella della speranza, nell’ottica del dono e della condivisione, della responsabilità e della capacità di tracciare strade nuove, penso che Elèutheros sia abbondantemente su questa scia con una proposta che è originale, con una proposta che sicuramente ha un futuro e ha molte cose da dire a tutti i livelli, sia a livello personale, che a livello più legato alle strutture e alle organizzazioni.

    Vasco

    C’era Fabrizio che voleva aggiungere qualcosa?

    Fabrizio

    Si, in merito all’originalità senza dubbio, nel senso che questo progetto in realtà è una via di mezzo, una sorta di connubio, se così si può dire, fra un’associazione informatica e un’associazione cattolica, prende un pò tutte e due le caratteristiche, e non è nessuno delle due, però è proprio questo il suo punto di forza.

    tempo: 74.07